Shadowed Summer

Shadowed Summer - Saundra Mitchell Iris e Colette vivono in uno sperduto paesino della Louisiana, Ondine, dove non succede mai nulla. Passano quindi le giornate di vacanza a viaggiare con la fantasia, creando incantesimi e fantasticando di spiriti e paesi lontani. Un giorno, mentre stanno facendo uno dei loro “rituali” al cimitero, Iris ode una voce e vede un ragazzo, che però immediatamente svanisce. E’ un fantasma e la ragazza pensa proprio di sapere di chi si tratti: Elijah Landry, un ragazzo misteriosamente scomparso anni prima. E scoprire cosa gli sia in realtà successo sarà il loro nuovo gioco dell’estate… Ma se fosse più di un semplice gioco? Se fosse pericoloso?L’estate dei fantasmi è il nuovo arrivato della Giunti nella collana Y: dalle atmosfere tristi e realistiche de Il Club dei Suicidi, passiamo a quello più cupe e misteriose di questo mistery per ragazzini.Sin dall’inizio, si viene rapiti dalla città di Ondine e la lettura si ultima in un baleno: il libro è fresco, scorrevole e intrigante.Iris e Colette sono due ragazzine come molte, forse un po’ lontane dall’attuale generazione preponderante di adolescenti-gran donne vissute, ma anche per questo per me molto più simpatiche: amano giocare e divertirsi utilizzando e plasmando la loro fantasia, sono due quattordicenni ingenue e felici, amanti della vita. Vivono i primi batticuori, posando entrambe sul giovane Ben i loro occhi (nonostante Iris lo neghi veementemente XD). Si divertono con poco e sanno ancora farsi affascinare da una bella avventura.Il mistero di fondo, riguardante Elijah, viene forse dipanato un po’ troppo in fretta, ma devo ammettere che il finale mi ha colto di sorpresa, non mi aspettavo una tale svolta.Da brava fifacchiona quale sono, un piccolo brivido verso la metà l’ho provato, ma mentirei se definissi questo libro come inquietante: ritengo che sia un ottimo romanzo per far avvicinare al genere i ragazzini di 12-13 anni, che penso possano trovarlo davvero fenomenale (quando mia sorella l’avrà letto vi farò sapere!). Per i lettori un po’ più adulti e vaccinati, può essere una buona lettura estiva, fresca, leggera, senza pretese, che vi riporterà indietro con la memoria magari ai miti junior o alle vostre prime letture armati di torcia sotto le coperte.